GIUDICARE LA VASELLINA

Giorni,

da bere come vasellina,

sono la migliore tregua,

a questa causa che avanza snaturata,

un non dire che presenta il conto,

scheletri che non stanno più insieme,

legami interrotti da facile torpore,

mentre la mente,

affida un legame speciale alla poesia,

alla prossima tappa,

seppur logorroica,

della mia inerte fragilità trotterellante.

I giorni,

come vasellina,

rendono una duttile formalità,

regale gentilezza sarcastica,

un dare approssimativo,

di pacata stoltezza.

La vasellina,

per il tempo a venire,

ottimo collante ad un segnale non rispettato.

La vasellina,

come giornale coerente al modello attuale.

La vasellina.

GIUDICARE LA VASELLINAultima modifica: 2015-06-17T19:04:47+02:00da anima-labile
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento