BAMBOLINA

L’attesa di una sigaretta,

snerva l’aria calda,

ignorando ogni principio etilico,

oltre le devastazioni ovvie della domenica.

In bilico,

ufficialmente,

per l’ipocrisia che mi hai addossato,

solo per non avvertire

il filo scheletrico delle tue sembianze,

un ossuta malattia ostentata a fatica.

Ma ci sei? o ci fai?

Maledettamente ipocrita,

nella tomba che hai scelto,

per ricalcare gesta infami,

attacchi tenui,

deboli,

che non giungono mai,

al filo teso del tuo corpo,

mentre avvalli richieste di colleghi verso di me,

un virtuale tentativo di controllo,

un possesso che ti ha svuotato,

lasciato prossimo al degrado.

Ed io,

in questo embargo,

scelgo ancora di errare,

per sentire aria nuova,

sdruccievole passione senza odio,

a differenza tua,

sprezzante e deviato,

nel limbo che hai generato,

morendo ora per ora,

ripetitivo,

costante playback di un antifona stonata.

Sei l’ennesima bambola senz’anima,

alla ricerca del ventriloquo,

ma nessuno,

riuscirà ad addossarsi il peso spossante della tua persona.

Tirati su.

Volgi lo sguardo altrove,

impara dalle macerie evidenti,

a risollevare meno recidiva,

per il riscatto che hai smesso di avere.

Vittime – eterni giocatori confusi,

e tu,

il tuo altarino,

l’hai allestito per farti compartire.

The Winner is ….!

BAMBOLINAultima modifica: 2015-07-12T22:35:22+02:00da anima-labile
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento