IL FACCENDIERE

Dar fuoco ai pensieri,

in questa scorretta sintassi,

e controproducente,

infame,

delittuoso.

Eppure comprimo ogni immagine,

recludo il porno,

da tempo smetto di essere oggetto e soggetto.

I tentacoli,

cessano di parafrasare il normale,

le fantasie,

rigettano nuovi aspetti romanzati,

copertine fin troppo piegate,

per minimizzare una storia senza una buona recensione.

La mia orda spicciola,

solleticherà ancora una volta troppe parole,

per finire in pasto ai media,

al clamore che suscita una bozza silente.

Non decido mai, per me,

alle parole che verranno,

alle parole che saranno,

al sale da aggiungere o eliminare.

Io esterno un linguaggio già imborghesito,

per aspirare a gioia e fantascienza.

IL FACCENDIEREultima modifica: 2015-08-05T21:47:28+02:00da anima-labile
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento