TUTTO IL BUONO DENTRO

Questa agiata manovalanza,

le mie parole in circolo,

come sangue viziato,

in cerca di virgulti assenteisti,

da questo sterile barlume di ipocrisie,

dettame per il popolo bue,

nichilistiche vicende di puro tedio,

sarcasmo come profilassi medica.

Il concreto,

sfiora la carta come pelle virulenta,

fredda,

veloce,

catrame interessante,

qualche volta in modica rappresaglia.

Il mio ritorno sarà esteso,

mediocre,

un predominio secolare,

lento,

assai apatico,

ai vizi della gente.

Eppure di vitale rilevanza.

Il mondo,

accenna i suoi tentacoli,

mentre io,

ne descrivo le azioni,

i movimenti,

il falso candore,

scandito da sconcerto apocrifo.

Il rilievo e solo da basso,

come martirio ingoiato e reticolato.

Non ho rime,

la mia forma attende sempre un vaglia.

TUTTO IL BUONO DENTROultima modifica: 2019-12-25T16:37:58+01:00da anima-labile
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento