DI BIANCO IN BIANCO

La cultura del ventre,

questa sozza realtà,

determinata a vincere,

a surclassare ogni encomio,

fatica,

calura.

Resta ben poco di ragionevole,

quando quella tortura si staglia,

lasciano tutto attorno,

profumo e disincanto sessuale.

Ora che sono corso via,

riconosco lacerazioni,

sorprusi,

movenze poco degne di me.

Ma non ero in vendita,

malgrado il gioco fosse pesante,

la mia idra,

simboleggiava potere,

ma è finita per ritrovarsi sperma in bocca.

DI BIANCO IN BIANCOultima modifica: 2019-12-26T05:22:19+01:00da anima-labile
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento